Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo Giovani e Mediterraneo MedFilm Festival Uguaglianza di genere

MOLLEMENT, UN SAMEDI MATIN

Regia: Sophie Djama

Paese: Francia | Anno: 2011 | Durata: 28′

MedFilm Festival 2018 // Démain, Algerie

Una sera ad Algeri, Myassa è vittima di uno stupratore che però non riesce ad avere un’erezione. Di ritorno a casa non può farsi la doccia perché la vecchia tubatura non funziona. Il mattino seguente, Myassa ha due obiettivi: denunciare la violenza subita e chiamare un idraulico. Si troverà faccia a faccia con il suo aggressore…

SOFIA DJAMA

Nata ad Oran nel 1979, Sofia Djama si trasferisce ad Algeri per completare gli studi e laurearsi in Letteratura. Agli inizi dei Duemila, comincia a scrivere una raccolta di storie brevi con protagonisti giovani algerini. Mollement, un samedi matin, l’adattamento di una di queste storie, riceve due riconoscimenti al Festival di Clermont-Ferrand 2011. Questi premi la incoraggiano a proseguire la carriera nel mondo del cinema. Les Bienheureux (2017), il suo primo lungometraggio, è selezionato a Venezia nella sezione Orizzonti.

Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Giovani e Mediterraneo MedFilm Festival

THE MEN BEHIND THE WALL

Director: Ines Moldavsky

Paese: Israel | Anno: 2018 | Durata: 28′

Uno sguardo inedito al conflitto israelo-palestinese attraverso una app di incontri. La regista israeliana Ines Moldavsky prova a incontrare uomini che la legge gli proibirebbe di vedere. Attraversando il confine che separa Gerusalemme dalla Cisgiordania, si ritrova in uno spazio fisico a lei poco familiare. Dove iniziano e dove finiscono i confini?

MedFilm Festival 2018 // Rather be Horizontal Women in Film

INES MOLDAVSKI

Nata a Buenos Aires nel 1990, Ines Moldavsky vive e lavora a Tel Aviv come video artista e regista di documentari e film sperimentali. I suoi lavori raccontato la sessualità, le questioni di genere e l’identità nazionale. Diplomata alla Sam Spiegel Film School e alla Bezalel Academy of Art di Gerusalemme, i suoi Midnight (2015) e Cold Facts (2016) sono stati presentati in vari festival internazionali.

Categorie
Blog Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo Eventi Giovani e Mediterraneo Inclusione sociale e lotta alle discriminazioni Laboratori e seminari Questioni socio-economiche e migrazioni Senza categoria Uguaglianza di genere

Giornata di studi del tirocinio “Uguali e diversi: Iso-MedFilm Festival 2020-2021”

Il Dipartimento degli Studi Orientali – La Sapienza e MEDFILM FESTIVAL presentano la Giornata di studi del tirocinio “Uguali e diversi: Iso-MedFilm Festival 2020-2021”.

Nell’ambito dell’incontro verrà presentato il sito del progetto Voci e immagini del dialogo interculturale nel Mediterraneo e il progetto di costituzione dell’archivio Medfilm Festival presso la Biblioteca DISO.

Il webinar si terrà sulla piattaforma zoom, lunedì 15 febbraio 2021, orario 14.00-18.30

La partecipazione è aperta a tutti i portatori di interesse
Registrazione con mail di richiesta nominativa all’indirizzo webinartirocinio@gmail.com

Programma

Saluti introduttivi:

Franco D’Agostino, Direttore Dipartimento Iso; Ginella Vocca, Presidente MedFilm Festival-MFF; Laura Guazzone, Responsabile tirocinio.

h. 14.15-14.25
Presentazione del SITO VOCIMED.IT del progetto Iso di Terza missione “Voci e immagini dal dialogo
interculturale nel Mediterraneo”
, L. Guazzone, Iso Sapienza e V. Flora, MFF.


PRIMA PARTE
(modera Guazzone, regia Flora)
h. 14.30-15.00


Tema “diritti umani”: I diritti umani nell’islam contemporaneo. Un dibattito apertoFrancesco Zappa, Iso Sapienza.
h. 15.00-15.10 Dibattito


h. 15.10-15.45
Tema “dialogo culturale”: Il dialogo tra cinema e letteratura araba contemporanea: il microcosmo egiziano Ada Barbaro, Iso Sapienza.
h.15.45-15.55 Dibattito


h. 16.00- 16.30 CORTO MEDFILM FESTIVAL

Dibattito

SECONDA PARTE
(modera Zappa, regia Barbaro)


h. 16.30-17.00
Tema “dialogo politico”: Il Mediterraneo che unisce e divide: storia contemporanea di un’ideaLaura Guazzone, Iso Sapienza.


h. 17.00-17.100 Dibattito

h. 17.10-17.40

Tema “questione di genere”: Corpo, consapevolezza e libertà. Percorsi nel cinema del Mediterraneo – Veronica Flora, MFF

17.40-17.50 Dibattito
h. 17.50-18.30
Quale dialogo interculturale nel Mediterraneo? Considerazioni conclusive e dibattito

Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo Inclusione sociale e lotta alle discriminazioni MedFilm Festival

Dernier Maquis

Risultato immagini per dernier maquis

Regista: Rabah Ameur-Zaïmeche

Paesa: France, Algérie | Anno: 2008 | Durata: 1h 33min

In una zona industriale totalmente in declino, le discussioni sui salari dignitosi e le pratiche religiose hanno sconvolto il delicato accordo tra il capo di un garage fatiscente di camion e i suoi lavoratori in questa visione visivamente sorprendente dell’esperienza degli immigrati franco-algerini.

MedFilm Festival 2009 // Amore&Psiche

Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Giovani e Mediterraneo MedFilm Festival Uguaglianza di genere

Mona Saber

Regia: Abdelhaï Laraki

Paese: Marocco | Anno: 2001 | Durata: 90′


Mona è una giovane francese. La sua vita viene scossa quando apprende che suo padre era marocchino. Con un nome (Mahmoud Saber), una foto in bianco e nero e una lettera d’amore indirizzata alla madre, Mona parte per il Marocco alla ricerca delle proprie radici.
Il suo viaggio tra Casablanca e Essaouira le farà scoprire le differenti realtà di una paese che credeva lontano.

MedFilm Festival 2009 // Open Eyes

Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo MedFilm Festival

Kayıp Zamanlar

Regia: Faysal Soysal

Paese: Turchia | Anno: 2015 | Durata: 58′

Hadice Mehmedovic è una madre di Srebrenitsa che ha perso il marito e due figli nel massacro di Srebrenica. È tornata a Srebrenica dopo molti anni per trovare il cadavere dei suoi figli per avere le loro tombe. Li ha trovati dopo 10 anni ma manca una parte del corpo. Se inizialmente non voleva seppellirli in quel modo, alla fine ha accettato di farlo perché non c’era speranza che le parti mancanti venissero ritrovate. Cerca di vivere nella sua vecchia casa con la sua memoria. Mirsad Duratovic ha perso tutti i membri della sua famiglia, eccetto sua madre, durante il massacro di Prijedor. Era prigioniero nei campi di concentramento-Manyecha, Omarska, Trnapolje. È tornato dalla Germania per trovare il cadavere di suo padre. L’anno scorso lo ha trovato nella fossa comune di Tomashnitsa e in luglio lo ha seppellito. Cerca di vivere in patria, nonostante ogni giorno affronti l’assassinio serbo della sua famiglia.

MedFilm Festival 2009 // Open Eyes

Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Inclusione sociale e lotta alle discriminazioni MedFilm Festival

Asphalt

Regia: Ali Hammoud

Paese: Libano/Qatar | Anno: 2016 | Durata: 69′

Asphalt ci immerge nelle vite di due camionisti in viaggio attraverso frontiere, paesi e città diverse. Derar Nseir, libanese, trasporta merci fra la Siria e la Giordania, da un’estremità all’altra. Mohamad Mehani, detto Scooter, è egiziano e guida lungo l’Egitto fino ai confini col Sudan per consegnare beni di prima necessità. Seppur lontani tra loro, questi due uomini hanno una cosa in comune: affrontano la vita come uno scenario in continua evoluzione, su una strada asfaltata che si estende per chilometri e chilometri attraverso l’intero mondo arabo. Asphalt ci accompagna in un viaggio che indaga il rapporto sottile tra uomo e macchina, offrendoci una riflessione sulla vita osservata da dietro un volante.

MedFilm Festival 2016 // Open Eyes

Categorie
Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo Inclusione sociale e lotta alle discriminazioni MedFilm Festival Questioni socio-economiche e migrazioni Uguaglianza di genere

FELICITA’

Regia: Salomé Aleksi

Cast: Marina Kobakhidze, Gia Abesalashvili, Rusudan Bolkvadze, Paata Guliashvili, Nino Kasradze

Paese: Georgia | Anno: 2009 | Durata: 30′


Tamara vive e lavora in Italia. Si prende cura di un’anziana signora di nome Paola. Il suo lavoro le permette di risparmiare un po ‘di soldi e mantenere i suoi figli che vivono con il padre in uno dei minuscoli villaggi della Georgia. Nel frattempo, suo marito muore in un incidente d’auto ma il suo status illegale non permette a Tamara di lasciare l’Italia. Incapace di partecipare al suo funerale, decide di partecipare al funerale di suo marito tramite la chiamata cellulare a lunga distanza.

Nota del regista

Il film parla di donne che vivono e lavorano illegalmente nei paesi sviluppati. La loro unica missione è risparmiare abbastanza per sostenere i membri della famiglia che vivono in Georgia.

MedFilm Festival 2010 // Cortometraggi

Categorie
Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo Eventi Giovani e Mediterraneo Inclusione sociale e lotta alle discriminazioni Laboratori e seminari Questioni socio-economiche e migrazioni Senza categoria Uguaglianza di genere

Tirocinio “Uguali e diversi”, dicembre 2016

Categorie
Ambiente e cambiamenti climatici Archivio Voci e Immagini Diritti umani, identità e cittadinanza Europa e Mediterraneo MedFilm Festival Questioni socio-economiche e migrazioni

Bal

Regia: Semih Kaplanoğlu

Cast: Bora Altaş (Yusuf); Erdal Besikçioglu (il padre Yakup); Tülin Özen (la madre Zehra)

Paese: Turchia | Anno: 2010 | Durata: 104′

Yusuf è un bambino solitario che vive con i genitori in una zona isolata di un bosco di montagna. Il padre alleva api e il bambino prova una grande ammirazione per lui con il quale condivide segreti. Yusuf, che a casa sa leggere correntemente, a scuola si blocca e non riesce ad ottenere la targhetta rossa che il maestro dà in premio a chi legge bene. Il diminuire della presenza delle appi costringe i genitore a cercare di porre le arnie in luoghi più lontani e ad altezze più elevate. Un giorno l’uomo non farà ritorno e mentre la moglie si metterà alla sua ricerca il bambino si sentirà spinto a sperare in una sua prossima riapparizione da una lettura sacra.

MedFilm Festival 2010 // Amore & Psiche